Torna a Eventi FPA

I webinar in programma

Torna alla home

  da 12:00 a 13:00

Reddito di cittadinanza al via: siamo pronti? Tutti i numeri della misura [ FPA_Data_Insight_06_03_2019 ]

La partecipazione al seminario on line è gratuita ma è necessario iscriversi a questo link

Dal 6 marzo sarà possibile presentare domanda per il Reddito di Cittadinanza. Una misura ambiziosa che mette insieme l’inserimento nel mondo del lavoro e il contrasto alla povertà, alla diseguaglianza e all’esclusione sociale e chiama a rapporto un sistema complesso di enti strutturalmente fragili, ridisegnando una macchina organizzativa completamente nuova.

Per far partire la complessa macchina amministrativa che dovrà gestire questa misura il Paese sta facendo un grande investimento che in tempi rapidi deve trasformare un sistema fragile di amministrazioni centrali e locali in una rete capace di far uscire oltre 1,3 milioni di famiglie da uno stato di povertà assoluta, facendole entrare nel mercato del lavoro.

Stiamo parlando di una sfida enorme ma anche di una grande opportunità di rafforzamento dei servizi pubblici: 3,4 miliardi di euro per rafforzare gli enti coinvolti nella gestione operativa del Reddito di cittadinanza sono un investimento che deve – pena il fallimento – realizzare un allineamento di volontà, di capacità e di strumenti.

Proprio in concomitanza con l’apertura delle domande, FPA mette sul tavolo tutti i numeri utili per capire quanto e come si sta investendo e cosa si dovrebbe fare affinché il sistema non si inceppi. Allo stato attuale, infatti, il sistema che dovrebbe permettere l’erogazione del Reddito di Cittadinanza, l’orientamento, la formazione, l’inclusione e la ripresa del lavoro non è adeguato, collasserebbe all’istante se non potenziato. I soggetti coinvolti sono Centri per l’Impiego, Servizi sociali dei Comuni, ANPAL, INPS, CAF e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. I settori che richiedono investimenti sono il personale, l’aggiornamento delle competenze necessarie a seguire i destinatari nei percorsi di “uscita dalla povertà”, la formazione per la gestione delle nuove procedure, il potenziamento dei sistemi informativi e l’integrazione delle banche dati, la comunicazione.

 

Il focus di FPA verrà illustrato nel corso di una presentazione online mercoledì 6 marzo alle ore 12. Con questo appuntamento si inaugura la rubrica “FPA Data Insight”: ogni mese presenteremo in diretta web un approfondimento/focus o una ricerca inedita.

La partecipazione al seminario on line è gratuita ma è necessario iscriversi a questo link

Programma dei lavori

Interviene

Dominici
Gianni Dominici Direttore Generale - FPA Biografia

Laureato in Sociologia, nel 1985 è socio fondatore dello Studio Gris, nato su iniziativa di un gruppo di professionisti impegnati a valutare le implicazioni di natura sociale ed economica delle attività di governo, di progettazione e di valutazione degli interventi nelle aree urbane e rurali. Nel 1991 riceve l’incarico, da parte della Fondazione CENSIS, di coordinare le attività dell’Associazione RUR nata su iniziativa della Fondazione con la finalità di elaborare e sostenere proposte innovative per le trasformazioni delle città e del territorio. Dal 1993 ha introdotto all’interno dell’associazione un nuovo campo sistematico di analisi ed intervento relativo allo sviluppo delle tecnologie telematiche nello sviluppo territoriale. Tra il 1997 e il 1998 ha lavorato alla Commissione Europea (DGXXIV) come esperto nel campo delle implicazioni sociali dello sviluppo delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione. Dal primo gennaio 1999 a settembre 2007 è responsabile del settore Processi Innovativi della Fondazione Censis. In questo ruolo ha diretto numerose ricerche nel campo nella Società dell’Informazione e gestito progetti di telematica applicata. Dal primo gennaio 2001 al maggio 2006 ha assunto anche l’incarico di amministratore delegato di Atenea, una società di formazione in rete sui temi dell’innovazione e della tecnologia. Nel settembre 2007 è diventato vicedirettore generale di FORUM PA. Da gennaio 2010 ne è Direttore Generale.

Chiudi

Torna alla home